5 buoni motivi per cui dovresti iniziare subito a giocare a golf!

Il golf si sta scrollando di dosso l’immagine stereotipata di gioco elitario per ricchi di mezza età e sul green cominciano a vedersi sempre più giovani.

Tra chilometri da percorrere in mezzo alla natura, grassi consumati e muscoli tonificati, dedicarsi agli swing è un vero e proprio toccasana per la salute. Ecco 5 buoni motivi per cui dovresti iniziare subito a giocare a golf.

È uno sport aerobico salutare

Su un green da 18 buche un golfista deve camminare dalle 4 alle 5 ore lungo un percorso disseminato di corsi d’acqua, depressioni sabbiose ed erba alta che si sviluppa complessivamente in 6-7 km.

A meno che non si scelga di spostarsi con la golf- cart e di farsi portare sacca e mazze dall’apposito incaricato (caddie), il golf è un’attività che centra in pieno le raccomandazioni dei cardiologi in merito alle malattie cardiovascolari.

Tonifica i muscoli e migliora la concentrazione

La destrezza non è l’unico fattore che entra in gioco nel golf. Anche la forza muscolare riveste un ruolo decisivo, ecco perché i giocatori top level hanno un preparatore atletico che li segue nell’allenamento della componente muscolare.

Il golf è uno sport mentale e richiede grande concentrazione. I golfisti più forti sono quelli che riescono a restare lucidi fino all’ultimo colpo e che sanno gestire al meglio le proprie emozioni dopo un colpo andato male, orientando tutta la loro attenzione sul colpo da effettuare.

Migliora le capacità propriocettive del corpo, il buonumore e la socializzazione

L’essenza del golf è racchiusa nello swing, il gesto tecnico principe di questo sport, che richiede equilibrio, coordinazione e propriocezione e la cui esecuzione rende più fluidi e misurati i movimenti del corpo, migliorando la postura.

Il fatto di giocare in mezzo al verde, trascorrendo molto tempo all’aria aperta, non può che giovare all’umore e contribuisce a combattere ansia, stress e depressione. Infine, pur essendo uno sport individualista, ha un indiscusso carattere socializzante e, grazie al sistema dell’handicap, consente a golfisti di livello molto diverso di gareggiare alla pari.