5 curiosità sul golf

Il golf è uno sport nobile, dalle origini antichissime e ricco di particolarità uniche. Ecco 5 curiosità di questa disciplina che in pochi conoscono!

La giacca verde e le palline biodegradabili

Quanti di voi conoscono le origini della giacca verde? Venne introdotta nel 1937, quando fu consegnata ai soci dell’Augusta National Golf Club. A partire dal 1949, invece, viene concessa ai vincitori del Masters (uno dei 4 tornei major). Il loro valore? Nel 1994 una giacca ufficiale risalente agli anni ’50 fu battuta all’asta per oltre 139 mila dollari!

Un’altra curiosità riguarda le palline. Se oggi possono essere acquistate a buon mercato, un tempo erano molto costose perché oggetto di una lavorazione estremamente complessa. Per non smarrirne troppe, quindi, nacque la figura del “fore caddie“, pagato per individuarle e recuperarle. Oggi, per evitare di inquinare, sono state realizzate “balls ecologiche“, vendute al costo di un dollaro ognuna: prezzo ulteriormente ribassato grazie a un’invenzione dell’Università del Maine, presso cui un gruppo di ricercatori ha ideato una palla ricavata dal carapace di aragoste ed astici. Il loro costo? 0.19 dollari ciascuna!

Le curiosità riguardanti il golf che in pochi conoscono

Sapete a cosa sono dovute le “fossette” che ricoprono la superficie delle palline? Introdotte all’inizio dello scorso secolo, consentono alla palla di sfruttare l’aerodinamica.

Queste palline dal profilo particolare furono introdotte quando si scoprì che le sfere più rovinate erano in grado di fendere meglio l’aria e raggiungere distanze maggiori. Dopo questa scoperta, Coburn Haskell, golfista americano, progettò nel 1899 le prime palline in balata, caratterizzate dalla presenza di fossette di diversa grandezza.

Il golf è sbarcato sulla luna. Quanti di voi ne erano a conoscenza? Ebbene sì, nel 1971 Alan Shepard Junior in missione a bordo dell’Apollo 14, portò alcune palline e un ferro 6, con cui realizzò colpi da record. Nel 1974, Michael Hoke Austin fu autore di un’impresa altrettanto leggendaria: con un vento a favore di 56 km/h riuscì a far compiere alla pallina un volo di ben 471 metri! Impresa mai più eguagliata