Francesco Molinari: l’uomo dei Record

Francesco Molinari è ormai entrato di diritto nella storia del golf italiano ed internazionale e dopo la Ryder Cup viene giustamente celebrato da tutta la stampa internazionale!

Francesco Molinari: l’uomo dei record porta la Ryder Cup in Europa

La Ryder Cup che si è svolta vicino Parigi ha consegnato alla storia del golf Francesco Molinari, che con una prestazione eccezionale ha letteralmente trascinato l’Europa alla vittoria sugli Stati Uniti.

Il golfista italiano infatti ha messo a segno 5 punti sui 5 disponibili, dando vita ad un en plain che si è rivelato decisivo per la vittoria finale. E tra i tanti che si sono complimentati con Francesco Molinari vi è anche Costantino Rocca, che fino all’esplosione del talento di Molinari era giustamente considerato il miglior golfista nella storia italiana.

Francesco Molinari ora può aggiungere un’altra grande impresa alla sua carriera, già ottima grazie a diversi tornei in cui si è confermato un giocatore di ottimo livello e alla vittoria nel British Open.

Le reazioni della stampa internazionali all’impresa di Molinari

Tutta la stampa internazionale, non solo quella di settore, ha messo l’accento su come Francesco Molinari abbia sfoderato una grande prestazione nel corso della Ryder Cup, conquistando 5 punti su 5 e meritandosi l’appellativo di “uomo dei record“.

Il The Guardian ha dedicato due pagine a Francesco Molinari, lodandone il carattere dimostrato nel corso della competizione e la grandissima concentrazione nei momenti più difficili, con cui è riuscito a trascinare il resto della squadra europea.

Il Daily Telegraph ha evidenziato come Molinari abbia dimostrato grandi doti di trascinatore silenzioso e come l’impresa di cui si è reso protagonista gli garantisce un posto nella storia del golf a livello mondiale.

Ovviamente la stampa americana ha accolto il risultato della Ryder Cup con altri toni: una sconfitta infatti non era stata messa assolutamente in preventivo, perché il team USA era considerato come il favorito, e per descriverne le potenzialità, la stessa stampa americana non aveva esitato, prima dell’inizio della Ryder Cup, ad usare il termine “Dream Team”, solitamente usato per indicare la nazionale di basket.

In effetti la presenza di un Tiger Woods in grandissima forma e del meglio del golf americano faceva pensare ad una vittoria annunciata. E invece l’Europa, grazie ad un Francesco Molinari che è stato definito dalla stampa di settore come “una supernova”, ha ribaltato tutti i pronostici.

Ora il golfista piemontese, che da anni vive a Londra, ha un posto nella storia del golf e nel cuore di tutti gli appassionati italiani di questo sport per cui sarà sempre “l’uomo dei record” che ha portato la Ryder Cup nel Vecchio Continente.