Golf & Tecnologia: ecco gli strumenti che aiutano il golfista

La tecnologia è entrata in maniera preponderante a far parte delle nostre vite e non poteva certo non andare a influire in qualche modo anche sugli sport.

Nel golf, durante gli ultimi anni lo sviluppo tecnologico ha fornito ai giocatori tutta una serie di innovazioni e dispositivi che aiutano a migliorare di gran lunga l’esperienza sul green, anche se la maggior parte di esse non sono ancora utilizzabili durante gare professionistiche. Scopriamone alcune in questo breve articolo.

Trackman e Sam Lab Putt

Partiamo dal TrackMan, un vero e proprio radar in grado di tracciare la pallina da golf e seguirla durante i suoi spostamenti in volo.

Inoltre, con il TrackMan è possibile reperire informazioni sullo stato e l’adeguatezza della mazza utilizzata per un determinato colpo, oltre a rilevare eventuali spostamenti di postura da parte del golfista al momento in cui impatta la pallina.

Parliamo poi del Sam Lab Putt, un dispositivo elettronico utile a migliorare tecnica, strategia e gestione del Putt nell’arco del movimento, calcolare l’altitudine raggiunta dalla sfera e tracciare la distanza esatta che ci separa dall’obiettivo. Però, nelle gare professionistiche, non è possibile ricorrere al Putt in grado di determinare questi ultimi due fattori.

K Vest e Balance Board

Scopriamo poi il K-Vest, grande innovazione tecnologica che permette al giocatore di capire i movimenti svolti con il corpo nell’arco dello swing, infatti è un sofisticato sistema di analisi del ritmo della postura del golfista durante questo movimento. (per non professionisti, la traiettoria del corpo al momento in cui si va a colpire la pallina).

Il Balance Board, invece, è uno strumento utilizzato per svolgere esercizi utili a migliorare l’equilibrio, nel caso del golf, viene usato per misurare la pressione esercitata dai piedi quando si compie uno swing.