Il PAR: ecco cos’è

L’obiettivo principale che cerca di raggiungere chi disputa una partita di golf è, prima di tutto, quello di indirizzare la palla all’interno della buca.

Durante una partita, i golfisti (specie quelli dotati di un certo grado di esperienza nella pratica di questo sport) prendono in considerazione una serie di parametri. Tra questi c’è il PAR.

Il PAR nelle partite di golf: Scratch, Stroke Play e lunghezza della buca

Il PAR diventa parte integrante di una partita di golf e sta ad indicare il numero di scratch che il giocatore deve impiegare per indirizzare la palla all’interno della buca.

Questa terminologia viene utilizzata fondamentalmente nell’ambito dello Stroke Play, uno tra i tornei di golf maggiormente apprezzati dai giocatori professionisti, dove si effettuano uno o più giri del campo, prendendo in esame varie metodologie di assegnazione del punteggio.

La lunghezza della buca, quindi, indica il PAR che può essere compreso in un numero che oscilla tra 3 e 5. Così, i cosiddetti PAR 3 corrispondono ad una lunghezza tra i 90 e i 230 metri; i PAR 4 si estendono dai 230 ai 410 metri; infine, I PAR 5 hanno una lunghezza complessiva che varia tra i 410 e i 550 metri.

Il PAR che indica la lunghezza di una buca può essere anche modificato a seconda della struttura del campo da golf che può presentare ostacoli, dossi, alberi o bunker.

L’importanza del PAR nell’assegnazione del punteggio

Durante le fasi di assegnazione del punteggio che si susseguono all’interno di un match di golf, una buca ottenuta viene considerata valida rispetto ad un criterio stabilito con il PAR.

Ad esempio:

  • nel caso in cui si verifichi la possibilità che il giocatore abbia raggiunto la buca mediante 4 colpi in meno (rispetto al PAR) si parla di “Condor“;
  • con 3 colpi in meno “Albatross“;
  • con due colpi in meno del previsto “Eagle“;
  • con un colpo in meno “Birdie“.

Quando invece si impiegano da 1 a 3 colpi in più rispetto al PAR per ottenere una buca si parla, rispettivamente, di “Bogey“, “Double Bogey“, “Triple Bogey“. Con 4 o più colpi in più si parla di “4 Over PAR“, e così via.