La tecnica del backspin

Ci sono alcuni fondamentali nel golf che non possono essere sottovalutati. Uno di questi risulta è il backspin.

In effetti, ogni buon giocatore che vuole migliorare il proprio score dovrebbe ottimizzare il proprio backspin, ma forse non tutti conoscono l’importanza di questo colpo. A tal proposito, ecco tutto ciò che c’è da sapere sulla tecnica del backspin.

Backspin: cos’è questa tecnica?

Come prima cosa comunque, occorre capire cos’è la il backspin. Ebbene, nel gergo tecnico del golf, con la parola backspin si intende quell’effetto dato alla pallina dopo il colpo e che permette a quest’ultima di fermarsi, arrestando la propria corsa dopo un po’.

In pratica, grazie al backspin sarà possibile riuscire a effettuare colpi magici, quasi da maestro; è una tecnica che può essere utilizzata in particolare modo quando occorre avvicinarsi alla buca ma senza esagerare.

Tecnica del backspin: come si impara e quali sono i vantaggi che può donare?

Come ogni colpo del golf, anche il backspin si può imparare con allenamenti dedicati. Bisogna, comunque, tenere conto del fatto che questa tecnica viene padroneggiata con eccellenza quasi sempre dai professionisti del golf.

Per un semplice amatore può risultare complicato dare questo effetto. Per farlo, bisogna colpire la palla, solitamente con un ferro, nel punto più basso della pallina cercando di “tagliarla” quasi. In questo modo si potrà dare una rotazione all’indietro alla pallina e l’effetto backspin sarà completo.

In base alla potenza data dal tiro, l’effetto sarà più evidente. I vantaggi del backspin sono davvero molti. In primo luogo, si potrà padroneggiare ogni colpo senza uscire dai limiti del campo. Ancora, come accennato in precedenza, il backspin permette di avvicinarsi alla buca, con la pallina che va all’indietro invece di andare avanti. Infine, viene controllato il rimbalzo e può essere contrastato l’effetto negativo del vento.