Le Leggende del Golf: Gene Sarazen, il più combattivo di tutti i grandi campioni

Gene Sarazen, conosciuto anche come Eugenio Saraceni, fu uno dei più grandi golfisti di tutti i tempi, tra i soli cinque giocatori ad aver vinto tutti i major insieme a Gary Player, Ben Hogan, Jack Nicklaus e Tiger Woods.

Nacque ad Harrison, New York, nel 1902 e grazie alla propria eleganza e tecnica sopraffina riuscì ad iscrivere il proprio nome tra le leggende assolute di questo sport.

Il Campione di origini siciliane

Gene Sarazen nacque appunto come Eugenio Saraceni da due immigrati siciliani giunti a New York nei primi del Novecento. Cominciò a giocare a golf all’età di dieci anni nei circoli locali e si fece immediatamente notare dai giocatori con più esperienza per il proprio valore tecnico fuori dal comune.

Tuttavia, Sarazen cominciò da autodidatta e sviluppò le proprie straordinarie abilità senza il supporto di alcun allenatore. Nel 1921, all’età di 19 anni, divenne professionista presso il Country Club di Titusville (Pennsylvania), ma passò la maggior parte della sua vita all’Oakmont Country Club, situato nei pressi di Pittsburgh.

Fu contemporaneo e rivale di Bobby Jones, nato lo stesso anno, e di Walter Hagen, che aveva nove anni più di lui. Tali rivalità aumentarono significativamente l’interesse per il golf in tutto il mondo e resero per la prima volta gli Stati Uniti la potenza dominante del circuito internazionale, togliendo lo scettro alla Gran Bretagna.

I Trionfi di Sarazen

In carriera Sarazen ha vinto ben 39 competizioni del PGA tour e nel 1974 è stato inserito nella World Golf Hall of Fame.

Fu nominato Associated Press Male Athlete of the Year nel 1932 e vinse il primo Lifetime Achievement Award del PGA Tour nel 1996.

Vinse gli U.S. Open nel 1922 e nel 1932, il PGA Championship nel 1922, nel 1923 e nel 1933, The Open Championship nel 1932 e il Masters Tournament nel 1935.

Il campione italo americano ha anche giocato in sei squadre consecutive della Ryder Cup. Dopo essersi ritirato nel 1973, Sarazen ha lavorato per promuovere il gioco del golf e ha scritto numerosi libri sull’argomento. La sua autobiografia, intitolata “Thirty Years of Championship Golf“, è stata pubblicata nel 1950.