Le Leggende del Golf: Johnny Miller

La storia del golf è stata segnata da grandi giocatori che hanno contribuito a scrivere le sue pagine più belle. Tra i tanti campioni ancora oggi in vita va senza dubbio ricordato Johnny Miller, che ha segnato la storia di questo sport fino alla metà degli anni ’80 del secolo scorso.

Johnny Miller: uno dei migliori giocatori della seconda metà del ‘900

Johnny Miller è nato il 29 aprile del 1947 negli Stati Uniti d’America ed è stato un giocatore di golf professionista che ha raggiunto l’apice della carriera nel corso degli anni ’70 del secolo scorso, quando fu considerato il secondo giocatore più forte del mondo dopo Jack Nicklaus.

Nella sua bacheca Miller può contare qualcosa come 25 tornei PGA Tour, tra cui spiccano 2 Major. Già solo questi numeri fanno capire la grandezza di un giocatore che è entrato nella World Golf Hall of Fame poco tempo dopo il suo ritiro: questo importante riconoscimento è infatti arrivato nel 1998.

La carriera di Johnny Miller

La carriera di questo giocatore prese il via nel 1963 a livello juniores, dove si impose subito all’attenzione degli addetti ai lavori, vincendo il torneo juniores di San Francisco a soli 16 anni.

Nel corso del periodo universitario divenne giocatore professionista e nel 1971, all’età di 24 anni, vinse il suo primo torneo. Le sue vittorie più importanti sono state senza dubbio l’U.S Open del 1973 e l’Open Championship del 1976.

La sua ultima stagione da professionista è stata il 1981: alla fine di quell’anno, tra lo stupore di tutti gli amanti del golf, decise di ritirarsi, pur avendo davanti ancora diversi anni di carriera ad alto livello.