Ecco le regole più infrante del Golf!

Il Golf è uno sport amato da milioni di persone in tutto il mondo. Chiunque riconosce le proprietà benefiche di questo sport, che rilassa sia la mente che il corpo.

Quello che molti non sanno, però, è che esistono precise regole nel mondo di questo sport e molte di queste vengono ripetutamente infrante. Ecco le regole più infrante del Golf!

Punteggio più basso e sovrabbondanza di mazze

A volte, molti segnano un punteggio più basso del previsto. Certo segnare un Par al posto di un Bogey piace a chiunque e tra conoscenti spesso si chiude un occhio al riguardo.

Comunque, oltre a sembrare scorretto, questa azione è severamente vietata dal regolamento internazionale di Golf. Precisamente dalla regola 6-6d che, se infranta, prevede addirittura la squalifica immediata del giocatore dalla partita.

Un’altra regola non rispettata, ma neanche conosciuta, riguarda il trasporto di bastoni da Golf non necessari. Secondo la norma 4-4 è possibile trasportare soltanto 14 bastoni nella propria sacca da Golf. Certo, trasportarli tutti da una buca all’altra è più comodo e permette svariate soluzioni d’esecuzioni, ma se si vuole rispettare il regolamento, è sbagliato fare ciò.

Non bisogna colpire l’asta e palla fuori limite

Tutti i giocatori di Golf riconoscono che colpire l’asta dal Green è una cosa alquanto improbabile. Comunque, nel caso che l’asta non fosse custodita, questo comporterebbe anche una penalità.

Stando alla regola 17-3 del regolamento internazionale di Golf, qualora si dovesse colpire l’asta non custodita effettuando un putt dal Green, si subirebbe una penalità di due colpi, con la pallina che al colpo successivo andrà giocata dove si trova.

Una delle cose più fastidiose, ma talvolta anche comiche, è la palla fuori limite. Spesso bonariamente, chi spedisce la palla fuori limite, ripete il colpo senza alcuna penalità. Questo è sbagliato, in quanto il giocatore deve ritrovare la palla entro 5 minuti dal suo colpo; se non riesce a fare ciò, allora deve eseguire un colpo di penalità, cercando di avvicinarsi all’ultima posizione nota della sua palla, rispettando la regola 27-1.v