Tee di plastica o legno? Ecco le differenze

Il tee è uno degli indiscussi protagonisti del golf, non tutti però sanno che ci sono due tipi di materiali con cui può essere fatto: il legno e la plastica.

Ci sono alcune differenze che possono dirigere la scelta fra una o l’altra; vediamo di seguito le loro principali caratteristiche e le conseguenze effettive sulle prestazioni.

Funzioni del tee

Il tee è un oggetto di piccole dimensioni, a forma di cuneo, che si può facilmente conficcare nel green, ed è la base su cui si appoggia la palla da golf.

La sua funzione è quella di mantenere la palla lontana il giusto dal terreno, di rendere il colpo facile e comodo minimizzando quindi la possibilità di sbagliare. Il tee si può anche regolare in altezza, a seconda del colpo che si intende eseguire e della faccia del bastone scelto.

Ne esistono due tipologie diverse, quelli in legno e quelli in plastica: molti golfisti preferiscono quelli in legno, soprattutto i professionisti, ma ci sono molti golf club che utilizzano i tee in plastica.

Tee in legno o plastica: caratteristiche e differenze

Si può subito dire che i tee in legno gode di caratteristiche tecniche leggermente migliori rispetto a quelle in plastica, infatti, il legno ha la capacità di ritenere meno la palla, offrendo una minore resistenza al colpo. Si ottiene quindi complessivamente un impatto più scorrevole e preciso.

Le differenze però sono davvero minime, percepibili forse solo dai golfisti più esperti. Dall’altra parte il tee in plastica risulta più leggero, comodo da portare e più economico.

C’è però un aspetto da non sottovalutare, ossia il rispetto per l’ambiente: può capitare che i tee vengano persi nei campi da golf, e quelli in plastica sono dannosi per la natura.

Tee di plastica o legno? Ecco le differenze - Acaya Golf Club
Tee di plastica o legno? Ecco le differenze

Il tee è uno degli indiscussi protagonisti del golf, non tutti però sanno che ci sono due tipi di materiali con cui può essere fatto: il legno e la plastica.

Ci sono alcune differenze che possono dirigere la scelta fra una o l’altra; vediamo di seguito le loro principali caratteristiche e le conseguenze effettive sulle prestazioni.

Funzioni del tee

Il tee è un oggetto di piccole dimensioni, a forma di cuneo, che si può facilmente conficcare nel green, ed è la base su cui si appoggia la palla da golf.

La sua funzione è quella di mantenere la palla lontana il giusto dal terreno, di rendere il colpo facile e comodo minimizzando quindi la possibilità di sbagliare. Il tee si può anche regolare in altezza, a seconda del colpo che si intende eseguire e della faccia del bastone scelto.

Ne esistono due tipologie diverse, quelli in legno e quelli in plastica: molti golfisti preferiscono quelli in legno, soprattutto i professionisti, ma ci sono molti golf club che utilizzano i tee in plastica.

Tee in legno o plastica: caratteristiche e differenze

Si può subito dire che i tee in legno gode di caratteristiche tecniche leggermente migliori rispetto a quelle in plastica, infatti, il legno ha la capacità di ritenere meno la palla, offrendo una minore resistenza al colpo. Si ottiene quindi complessivamente un impatto più scorrevole e preciso.

Le differenze però sono davvero minime, percepibili forse solo dai golfisti più esperti. Dall’altra parte il tee in plastica risulta più leggero, comodo da portare e più economico.

C’è però un aspetto da non sottovalutare, ossia il rispetto per l’ambiente: può capitare che i tee vengano persi nei campi da golf, e quelli in plastica sono dannosi per la natura.